opzioni, studio, put, call, strike, long,short

Come capire l’abc delle opzioni senza averle mai studiate

Cosa sono le opzioni?

Le opzioni sono strumenti finanziari derivati che si possono utilizzare al fine speculativo o come copertura, danno la possibilità di acquistare o vendere uno specifico bene sottostante, oggetto del contratto di opzione, ad un prezzo stabilito; questo conferisce il diritto ma non l’obbligo di acquistare o vendere un determinato sottostante. 

L’operazione si svolgerà ad un prezzo deciso entro, e non oltre, una data prefissata.

Appendice sulle opzioni e terminologie tecniche per capire il mondo delle opzioni:

  • Sottostante delle opzioni: un qualsiasi titolo, indice, valuta, tasso d’interesse, materia prima o fondo di investimento che sia alla base dell’opzione;
  • Premio da pagare:somma di denaro versata per sottoscrivere il contratto, non recuperabile;
  • Call o Put: diritto di acquisto o di vendita sul bene sottostante;
  • Prezzo di esercizio (o strike price): prezzo al quale avverrà lo scambio,definito alla sottoscrizione del contratto;
  • Data stabilita:entro la quale il sottoscrivente potrà esercitare il diritto.

Queste sono alcune delle terminologie che dobbiamo comprendere per capire un’opzione.
Ora cerchiamo di entrare nel dettaglio per vedere come poter sfruttare al meglio questo strumento.

Le opzioni possono avere due grandi funzioni:

  1. Copertura
  2. Speculazione

Nel primo caso voglio assicurarmi il diritto di acquisto (o di vendita) di un bene e lo faccio perché temo che il prezzo possa variare con il tempo, portandomi a pagare una cifra più alta di quella che avrei assicurato sottoscrivendo l’opzione.

Esempio:

“Un’azienda che ha in programma di comprare grandi quantità di ferro ma teme un rincaro del prezzo, sottoscriverà un’opzione che le darà il diritto di acquistare ferro, entro una data futura, ad un prezzo stabilito.”


Così l’azienda avrà bloccato il prezzo e non dovrà preoccuparsi dei rincari vari dal mercato.

Al fine speculativo, il mio interesse è quello di realizzare un profitto sulla base di aspettative di rialzo o di ribasso del prezzo.

Esistono diverse tipologie di opzioni:

Call: danno il diritto di acquisto del sottostante, il guadagno per chi acquista una call è potenzialmente illimitato, mentre le perdite sono limitate al premio pagato.

Si guadagna se il mercato sale.

Put: danno il diritto di vendita del sottostante, il guadagno per chi acquista una put è potenzialmente illimitato, mentre le perdite sono limitate al premio pagato.

Si guadagna se il mercato scende.

Ricapitolando, le opzioni permettono una gestione ottimizzata del proprio portafoglio evitando gli spiacevoli picchi di volatilità giornaliera.

Questo vi permette di lavorare in totale tranquillità con molti vantaggi:

  • Operare nel lungo termine e senza ansia,
  • Evitare di stare a monitor 12h a controllare le vostre posizioni,
  • Grandi prospettive di guadagno,
  • Rischio controllato,
  • Lavorare in copertura con un portafoglio ben bilanciato,
  • Evitare cigni neri (crolli improvvisi di mercato).

Questi sono solo alcuni dei vantaggi e delle prospettive che si possono avere dalle opzioni abbinate ad un metodo di investimento sano.


One thought on “Come capire l’abc delle opzioni senza averle mai studiate

Comments are closed.