Come sviluppare una psicologia analitica ed oggettiva sui mercati

Oggi parliamo di psicologia applicata ai mercati finanziari.

La finanza comportamentale, ovvero la reazione istintiva dell’essere umano di fronte al mercato, che impatta in modo inconsapevole sul processo decisionale di un investitore, è uno degli argomenti più trattato e su cui si trova una letteratura vasta ed interessante.
Va assolutamente compresa e non lasciata ai margini, perché, se capita, ti permette di passare da trader perdente a trader profittevole.

Chiariamo subito un punto: la mente umana funziona all’esatto opposto dei mercati e non esiste una regola aurea per trasformare un trader in un analista oggettivo.

Quello che faremo ora è creare una serie di punti che dovrai rispettare nel tuo trading e che ti permetteranno di avere un approccio più distaccato.

Premessa: sviluppare una psicologia adatta ai mercati, aldilà di tutto, è un lavoro faticoso,complesso e laborioso.
Se tu per primo non ti metti in discussione e non analizzi te stesso ed i tuoi atteggiamenti in base ai movimenti di mercato, non potrai mai fare tesoro dei tuoi errori e di conseguenza migliorare.

Per avere una psicologia che sia vincente a mercato devi sviluppare la freddezza di un analista e il coraggio di un trader.

Ma perché?

Un analista finanziario rimane impassibile difronte ai movimenti bruschi del mercato e non si lascia mai confondere le idee rispetto al suo piano di Trading.
Ti starai chiedendo come mai?

Bene, te lo dico subito…

Un analista analizza, per l’appunto, e non investe i suoi soldi, di conseguenza tutto il lato legato all’emotività è annullato, messo da parte.

Si ha un piano e lo si rispetta dall’inizio alla fine.

Si prende uno stop se necessario e si va a target se è dovuto, fine.

Ecco perché ora ti darò delle regole per fare del tuo trading un’ attività quantomeno sana.

La regola è una ed è molto semplice(a parole).

Devi creare un tuo PIANO DI TRADING fatto di regole ben precise che dovrai rispettare alla virgola come un automa.

La ricchezza non è altro che un processo lento e noioso fatto di esecuzioni corrette per un tempo indefinito.

Ergo, maggiori saranno quelle azioni che ti portano ad avere un risultato x maggiore sarà il tuo risultato rispetto al tempo y.

Per intenderci: hai presente quando vai in palestra?

Ci sta poco da inventarsi per avere risultati.

La palestra è fatta di esercizio, riposo, sana alimentazione e repeat.

Tutto questo, con delle regole, e in un costante e sano circolo vizioso, che porta a dei risultati soddisfacenti ed esponenziali nel tempo.

Devi creare la tua routine come per la palestra, e come lo fai?

Attraverso un piano di trading.

Un piano di trading deve avere le seguenti caratteristiche:

•Regole precise
•Size prestabilite
•Rischioso calcolato
•Eventuale mediazione calcolata e prestabilita all’inizio del trade
•Uno stop Loss preciso che non deve essere spostato
•Un target da seguire

Questo piano devi scriverlo sul tuo diario di Trading personale. Se non ne hai uno, male.
Devi impostarlo prima di ogni operazione dopo le tue accurate analisi e seguirlo alla lettera.

Devi sapere cosa farai e come lo farai se il mercato rispetterà le tue condizioni appieno, in parte o per nulla.

Questo modo di approcciarti ti permetterà di rimanere lucido ed analitico come un analista finanziario che non ha coinvolgimenti emotivi dettati dall’oscillazione del proprio portafoglio.