consigli, traders,errori,trading,investimenti,rischio

Otto consigli pratici per evitare gli errori commessi dal 95% dei traders.

È un dato oggettivo: il 95% dei traders perde soldi in Borsa e nella migliore delle ipotesi rimangono stabili sul loro saldo iniziale.

È un argomento vasto da trattare, ma cerchiamo di snocciolarlo punto per punto e magari inserire qualche tips di buonsenso che sono sicuro possa esserti utile.

1) METODO

Una delle prime problematiche è il metodo.

Se non hai metodo – che nel lungo termine risulta davvero profittevole – finirai per investire male i tuoi soldi e sarai sempre dalla parte sbagliata del mercato.

2) COME RICERCARE IL METODO

Un metodo che ti permette di poter investire sui mercati e che sia profittevole nel tempo deve essere complesso. Se pensi che possa bastare una media mobile a prevedere l’andamento dei mercati o dei semplici Expert creati su base statistica, sei fuori strada.

Perché ti dico questo?

Semplice, i mercati finanziari sono complessi e hai bisogno di un metodo altrettanto complesso che ti permetta di leggerli nel modo corretto (leggi testi in inglese. La letteratura italiana è zero nell’ambito della speculazione finanziaria).

3) PAZIENZA

Per diventare un investitore professionista ci vuole tempo, anni per lo più. Devi armarti di pazienza, tempo, soldi da perdere, e tutto quello che necessità per affrontare questa professione al massimo dei livelli.

Per diventare un medico quanti anni sono necessari ?

Bene.
Spiegami allora perché per imparare a fare una professione che genera così tanta ricchezza dovrebbe volerci meno tempo. Suvvia, non scherziamo.

4) OVER-CONFIDENCE

Questo è un problema più comune a tutti quei traders che già operano, hanno un buon metodo ma perdono ugualmente soldi a mercato. Il problema qui è dovuto alla mancanza di autodisciplina.

Un trader non deve mai pensare di poter battere il mercato in qualsiasi condizione perché non funziona così.

Devi piuttosto ricercare le migliori opportunità che abbiano un rischio/rendimento adeguato e che rispettino le tue condizioni.

Qui la parola chiave è umiltà.

A mercato, lo ripeto, devi essere umile. Niente overconfidence dovuti a tanti trade andati bene. Fai come se fossi un barbone che chiede l’elemosina ai passanti.

Hai mai visto un barbone che chiede soldi in modo arrogante solo perché i passanti precedenti gli hanno dato due spicci? No. Ecco, considerati alla stregua di un barbone e credimi: ti troverai decisamente meglio.

5) LEVERAGE ALTO

La leva finanziaria, quella che ora la MiFid 2 ha abbassato da 1:500 a 1:33 proprio per l’uso incauto dei traders da strapazzo che si bruciavano i soldi in due giorni.

La leva finanziaria è straordinaria se usata nel modo corretto ma bisogna imparare a saperla usare.

Leva bassa, quindi: 1:3 – 1:4 – 1:5. Smettila di voler fare soldi in poco tempo, non ha senso e rischi di rimanere con un cerino in mano dopo poco tempo.

6) SOTTOCAPITALIZZAZIONE

Questo è un problema che si unisce al punto 5 e l’accoppiata leva alta + sottocapitalizzazione diventa un’arma a doppio taglio capace di farti durare a mercato da Natale a Santo Stefano.

Se pensi di poter aprire un conto trading da €3.000 e diventare ricco sei fuori strada. Per far soldi ci vogliono soldi. Piuttosto torna a lavorare e a studiare.

7) MONEY MANAGEMENT

Dividi il rischio per ogni operazione e stai nei parametri che ti puoi realmente permettere di gestire (1-3% di rischio per ogni operazione).

I punti (5-6-7) camminano spesso di pari passo e sono responsabili in quasi tutti i casi di conti bruciati e traders sconfitti.

Quindi, abbassa il rischio e lavora sempre con la stessa percentuale.

8) DISCIPLINA

Un trader deve essere disciplinato. La mania del clic, così possiamo definirla, ovvero quella di dover andare necessariamente a mercato, devi fartela passare.

Smettila di essere più simile ad un giocatore d’azzardo e torna a fare l’investitore. Non aver paura di perdere dei trade. Investi solo quando il mercato rispetta le tue condizioni.

Come vedi, questi consigli di reale buonsenso sono l’esatto opposto di tutto ciò che trovi in giro. Il trading professionale è una materia per pochi ed è essenziale approcciarsi a questo mondo nel modo più corretto.

Articolo pubblicato anche su Wall Street Italia: Otto consigli pratici per evitare gli errori commessi dal 95% dei traders.